Home   Cinema    Eventi Ospiti    Korea Film Festival    KOREA FILM FEST 2015

Cinema

Korea Film Festival

KOREA FILM FEST 2015

 

PROGRAMMA

 

 

martedì 24 marzo

 

ore 19.00 WHITE BADGE  하얀전??? di Chung Ji-young  정지??? (Corea del Sud 1992, 124') vo sub eng, ita

 

ore 21.15 A HARD DAY  ???까지 간다 di Kim Seong-hun  김성훈 (Corea del Sud 2014, 111') vo sub eng, ita

 

 

mercoledì 25 marzo

 

ore 19.00 THE DMZ  비무장지대 di Park Sang-ho  박???호 (Corea del Sud 1965, 62') vo sub eng, ita

 

ore 20.45 KUNDO: AGE OF THE RAMPANT  군???:민란??? 시대 di Yoon Jong-bin  윤종빈 (Corea del Sud 2014, 137') vo sub eng, ita

 

 

lunedì 30 marzo

 

ore 17.00 Premiazione del Vincitore “Independent Korea??? 

SOCIALPHOBIA di Hong Seok-Jae (Corea del Sud 2014, 102') - vo sub eng, ita

 

ore 19.00 HAEMOO  해무 di Shim Sung-Bo  심성보 (Corea del Sud 2014, 111') vo sub eng, ita

 

ore 21.15 Premiazione del Vincitore “Orizzonti??? 

SLOW VIDEO  슬로우 비디오 di Kim Young-Tak  김?????? (Corea del Sud 2014, 106') - vo sub eng, ita

 

 

 

PREZZI

Pomeriggio (fino alle 20.00): € 4,00 

Sera: € 6,00 intero; € 5,00 ridotto (studenti italiani e stranieri, dipendenti aziende sponsor, ARCI, Carta Feltrinelli, COOP, Carta Sistema Toscana Mediateca Regionale)

 

 

 

WHITE BADGE

 

Il Distintivo Bianco

 

Alla fine degli anni Settanta, Han Ki-jo è un quarantenne scrittore alcolizzato che conduce una vita deprimente. Un giorno comincia a pubblicare su una rivista un romanzo a episodi sulla Guerra del Vietnam, cosa che risveglia i suoi angosciosi ricordi da reduce. Il romanzo lo rimette in contatto con un altro ex soldato, Byeon Jin-su, un commilitone che ha combattuto in guerra al suo fianco.
In Vietnam, l'unità di cui fanno parte Han e Byeon trascorre inizialmente diversi mesi tranquilli, senza vietcong nei paraggi. Tuttavia, perdita dopo perdita, Han ed i suoi compagni vengono progressivamente in contatto con le atrocità della guerra, finendo per essere contagiati dalla sua follia. Verso la fine del loro mandato, l'unità di Han partecipa ad un’ultima missione, la più dura…

 

 

CHUNG JI-YOUNG 

  

Chung Ji-young affina le sue abilità registiche lavorando come assistente alla regia per Kin Soo-yong. Dopo il suo film di esordio Mist Whispers Like Women(1982), ha costruito la sua reputazione su film di critica sociale cominciando a lavorare su sceneggiature basate su fatti realmente accaduti: North Korean Partisan in South Korea (1989). Chung è anche noto per il suo attivismo in questioni socioculturali come la campagna contro la diretta distribuzione di film stranieri e l'abolizione della censura preventiva. Nel 2011 termina Unbowed, film basato su una storia vera nel quale il regista critica la corruzione del sistema giudiziario nazionale; con questo lavoro si aggiudica il premio come miglior regista al Blue Dragon Film Awards ed al KOFRA Film Awards Ceremony.
Chung provoca nuovamente scandalo l'anno successivo con National Security, uno sguardo spietato sulle torture praticate dai servizi segreti coreani negli anni Ottanta.

 

 

 

A HARD DAY  

 

Una Giornata Difficile

 

Tornando in macchina dal funerale della madre, il detective della omicidi Gun-su investe un uomo in una strada di campagna. Preso dalla disperazione, infila il cadavere nella bara della madre. Pochi giorni dopo, il delitto di Gun-su compare nel database della polizia ed un suo collega inizia ad indagare sul caso. Gun-su è preoccupato dal momento che il compagno lentamente scopre altri particolari dell'incidente. A complicare le cose un testimone si fa avanti: il detective Park Chang-min. Per qualche incomprensibile motivo Park vuole il corpo dell'uomo; non avendo altra scelta, Gun-su dissotterra la tomba della madre e recupera il cadavere, notando strane ferite su di esso.

 

 

KIM SEONG-HUN   

 

Nato nel 1971, il regista Kim Seong-hun assiste alla direzione di Oh! Happy day e He Was Cool (rispettivamente nel 2003 e nel 2004), prima di fare il suo debutto nel 2006 con la commedia How the Lack of Love Affects Two Men, notevole per il suo tempo comico ed i personaggi arguti e stilisticamente unici. Dopo otto anni torna alla regia con il suo secondo film A Hard Day, intenso film d'azione che gli vale tre riconoscimenti ai Daejong Film Awards (Miglior regista, illuminazione e fotografia) più altri tre all'ultima edizione del Blue Dragon Film Award (Miglior sceneggiatura, attore non protagonista e montaggio).

 

 

 

THE DMZ   

 

Zona demilitarizzata

 

Nei giorni che precedono l'armistizio fra Corea del Nord e Corea del Sud, la piccola Yong-ha e suo fratello vagano in cerca della propria madre all'interno di una zona demilitarizzata. Nel tentativo di raggiungere la Corea del Sud, i due bambini attraversano il confine di una nazione devastata dalla guerra, giocando e cantando, perdendosi e ritrovandosi in mezzo a carri armati, mine e cadaveri.

 


PARK SANG-HO  

 

Nato a Seul nel 1931, Park Sang-ho abbandona la Facoltà di Amministrazione Aziendale dell'Università Yonsei e lavora per un periodo in teatro. Inizia la sua carriera cinematografica nel 1955 come assistente alla regia di Dream di Shin Sang-ok e appena un anno dopo esordisce alla regia con The Sea. Molto attivo nel corso dell'età d'oro del cinema coreano, tra la fine degli anni Cinquanta e gli anni Sessanta, Park dirige e produce ventisei documentari e ventiquattro film di finzione, specializzandosi in drammi familiari. Tra questi Family Meeting (1962), A Happy Businesswoman (1963) e The DMZ (1965) sono considerati i suoi lavori più importanti.

 

 

 

KUNDO: AGE OF THE RAMPANT 

 

L'Era della Crisi Dilagante

 

Nel 1959 durante la Dinastia Joseon, la popolazione soffre per la carestia e dello sfruttamento subito da nobili ricchi e funzionari corrotti. In difesa dei cittadini si erge un gruppo di banditi che vivono nascosti tra le montagne, noti come “La Banda di Kundo???.

Jo-yoon, figlio illegittimo di un nobile, è tanto spietato quanto abile nell'uso della spada; egli incarica un macellaio di nome Dolmuchi di uccidere la cognata incinta dell'erede legittimo. Il fallimento del compito causa lo sterminio della famiglia di Dolmuchi e la sua condanna a morte. Salvato dagli uomini di Kundo, si unisce a loro rinascendo come il guerriero Dochi. A causa delle crescenti ingiustizie sociali, per lui ed il resto dei banditi, è giunto il momento di affrontare Jo-yoon, il nemico più pericoloso. 

 

 

YOON JONG-BIN  

 

A 25 anni si laurea alla Chung-Ang University con The Unforgiven (2005), pluripremiato film a basso budget, selezionato dal Busan International Film Festival e dal Festival di Cannes per la sezione Un Certain Regard. Dopo altri due successi come The Moonlight of Seoul e Nameless Gangster, Yoon sposta la sua attenzione su un film storico d'azione: Kundo: Age of the Rampant, blockbuster su una banda di fuorilegge esistita fino alla colonizzazione giapponese. Anche per quest'utimo, come per i film precedenti, il regista recluta l'attore Ha Jung-woo.

 

 

 

SOCIALPHOBIA

 

Fobia da Social Network

 

Ji-woong e Yong-min studiano per superare l'esame per entrare in polizia. Un giorno, con dei loro amici, s’imbattono in una flamer che scrive malignità gratuite su Twitter riguardo al suicidio di un disertore. La guerra di commenti si fa accesa, finché qualcuno non posta i dati personali della ragazza. Il gruppo decide quindi di recarsi da lei e di riprendere il tutto in diretta live con la webcam di un notebook. Trovano però la ragazza impiccata, diventando così loro stessi oggetto di una caccia alle streghe, con l'accusa di averla spinta al suicidio. Per ripulire il loro nome e chiarire vari interrogativi su quello che si sospetta essere un omicidio, i ragazzi creano una comunità online per indagare sulla vita della giovane flamer e sugli utenti di alcuni forum che aveva rovinato.

 

 

HONG SEOK-JAE

 

Nato a Busan nel 1983, Hong Seok-jae studia Performance Film Creation all'Università di Chung-Ang. Dopo la laurea nel 2009, si specializza in regia presso la Korean Academy of Film Arts (KOFA). Nel corso dei suoi studi universitari realizza il cortometraggio Election, proiettato al Puchon International Fantastic Film Festival (PiFan). I successivi, durante gli anni in Accademia sono Love Fee e Keep Quiet, vincitore del premio speciale della Giuria e premio del pubblico al Mise-en-scène Short Film Festival. Socialphobia è il suo primo lungometraggio, in collaborazione con KOFA.

 

 

 

HAEMOO

 

Nebbia di mare

 

Basato su fatti realmente accaduti nel 1998, la storia narra dell'equipaggio di una barca da pesca e del suo tentativo di contrabbandare immigrati clandestini per salvare l'attività. Il piano fallisce quando nel trasporto di circa trenta persone attraverso una fitta nebbia di mare, si verifica un terribile incidente. In mezzo al caos il membro più giovane del gruppo, Dong-sik, cerca di proteggere una giovane immigrata di cui si è innamorato dal folle capitano Kang e dagli altri membri dell'equipaggio.

 

 

SHIM SUNG-BO 

 

Nato nel 1972,  Shim Sung-bo studia regia alla Korea National University of Arts; dopo qualche esperienza come direttore della fotografia, si fa conoscere  nel 2003 per aver firmato la sceneggiatura del celebre thriller Memories of Murder assieme al regista Bong Joon-ho. Nel 2011 prende parte alla scrittura, direzione e produzione del film collettivo What the…?, otto cortometraggi sugli effetti della crisi economica in Corea. Sempre con Bong Joon-ho scrive la sceneggiatura di Haemoo, il suo primo grande successo alla regia.

 

 

 

SLOW VIDEO

 

Al Rallentatore

 

Sin da piccolo Jang-bu ha uno strano talento che lo distingue dalle altre persone: i suoi occhi gli permettono di vedere ogni cosa e ogni movimento al rallentatore. Questa abilità gli crea non pochi problemi, tanto da decidere di non uscire di casa per anni, passando il tempo a guardare la TV. Un volta cresciuto, Jang-bu sembra aver trovato il posto più adatto a lui: un lavoro al centro di controllo telecamere a circuito chiuso. Mentre osserva la vita delle persone attraverso i monitor, nota una ragazza che gli ricorda un'amica d'infanzia...

 

 

KIM YOUNG-TAK

 

Nato nel 1976, Kim Young-tak firma la sceneggiatura del romantico dramma BA:BO nel 2008, di Kim Jung-kwon. Due anni dopo scrive e dirige la commedia Hello Ghost, la cui freschezza e umorismo sono stati premiati al Fantasia International Film Festival di Montreal ed al PaekSang Arts Awards di Seoul. Nel 2014, nella doppia veste di sceneggiatore e regista, Kim realizza Slow Video; la commedia segna inoltre la sua terza collaborazione con l'attore Cha Tae-Hyun. 

 

 

 

Per maggiori informazioni visita il sito del Korea Film Festival.

 

Per la programmazione della nostra sala vai alla pagina dedicata.