Home   Cinema    Film    DIFRET. IL CORAGGIO PER CAMBIARE

Cinema

Film

DIFRET. IL CORAGGIO PER CAMBIARE

Un film di Zeresenay Berhane Mehari (Etiopia, Usa 2014, 99')

 

Venerdì 6 febbraio ore 21.00 una serata speciale sull'Etiopia con la proiezione del film in lingua originale sottotitolata e l'incontro a seguire con il giornalista Andrea Semplici per un approfondimento sulla realtà africana.

 

Coprodotto da Angelina Jolie e vincitore di numerosi Premi internazionali, tra cui il Premio del Pubblico al Sundance Film Festival e il Premio del Pubblico al Festival Internazionale del Cinema di Berlino. 

 
La storia vera di Hirut, una ragazzina etiope che sfida le leggi della Telefa (il rituale del rapimento a scopo di matrimonio), e di una giovane donna avvocato che l'aiuta a difendersi. Un film importante e coraggioso, che evidenzia il delicato e difficile passaggio dalle consuetudini della tradizione alle garanzie predisposte dalla legge per il rispetto della dignità umana e dei suoi diritti inviolabili. 
 
Come ha sottolineato Angelina Jolie: "è una storia che dà speranza per il futuro dell' Etiopia e per tutti gli altri Paesi dove ancora moltissime ragazze crescono senza la protezione della legge e mostra come la tenacia di persone coraggiose sia in grado di risvegliare la coscienza di una società. Tutti dovrebbero vedere Difret perché questo film può provocare un cambiamento".
 
Navy Pillay, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, in occasione della proiezione speciale di Difret al Festival di Locarno, dove il film è stato eletto simbolo della Democrazia Senza Frontiere, ha sottolineato: "Sfidare le tradizioni è importante ma richiede tempo. Anche in Europa avvenivano matrimoni forzati e credo sia possibile anche per i Paesi in Via di Sviluppo e in particolare per l' Africa, arrivare al rispetto dei diritti umani e dell'individuo. L'importante è la consapevolezza sempre maggiore che le giovani donne oggi hanno e il non volere più tornare indietro"
 
 
Qui il sito ufficiale del film.

Scarica qui il pressbook