Home   Cinema    Eventi Ospiti    CIAK SUL LAVORO – Il lavoro si rappresenta

Cinema

Eventi Ospiti

CIAK SUL LAVORO – Il lavoro si rappresenta

martedì 13 - giovedì 29 maggio 2014

 

Anche quest'anno lo Stensen ospita la rassegna sul tema del lavoro organizzata dall'Associazione Anemic per la Filcams CGIL di Firenze e della Toscana. 

In molti parlano di lavoro, spesso senza sapere di cosa veramente si tratti. La crisi che oramai ci colpisce da oltre 4 anni, il lavoro che non c’è, il lavoro perduto, il lavoro che non si trova, il lavoro a qualsiasi condizione, precario, flessibile, il lavoro nero, senza sicurezza e senza salute.

Le pellicole selezionate per questa rassegna raccontano di persone che hanno dato la vita per il lavoro proprio e altrui, che lo hanno difeso, subito, reinventato. Storie, per far comprendere, riflettere, discutere e ricordare.

 

In collaborazione con Fondazione Culturale Niels Stensen, Fondazione Sistema Toscana e Quelli della Compagnia, con il patrocinio della Provincia di Firenze.

 

PROGRAMMA

 

martedì 13 | ore 20.00

Cha cha cha di Marco Risi

Un investigatore privato (Argentero), ex poliziotto di talento, bello e tenebroso, tormentato e di poche parole, deve seguire gli spostamenti di un giovane rampollo della Roma bene. Ci scappano un paio di morti, il perimetro si allarga e l’indagine si inoltra nel sottosuolo di una città corrotta e decadente, fra le sue pieghe e i suoi doppifondi, nei vani imprevedibili e insospettabili dei suoi torbidi segreti. Risi gira un robusto film di genere, squisitamente noir, un probabile fatto di cronaca nera, dove le trame della “città eterna???, simbolo globale del Belpaese, profumano di malaffare e malcostume, di emergenza politica e azzeramento morale.

ore 21.40

Fortapasc di Marco Risi

Nel 1985 Gianluca Siani viene ucciso con dieci colpi di pistola. Aveva 26 anni, faceva il giornalista. O meglio era “praticante abusivo???, come lui steso amava definirsi. Lavorava per Il Mattino, storica testata partenopea, era un giornalista d’istinto e di vocazione. Fiutava le notizie, le inseguiva, si informava, verificava le fonti, indagava i fatti, non si faceva prendere dall’entusiasmo del neofita che cerca lo scoop. La sua professionalità gli è costata la vita. Unico giornalista ucciso dalla camorra, il film segue gli ultimi quattro mesi della sua vita, quando il filo che lo teneva attaccato alla vita iniziò ad assottigliarsi fino a spezzarsi. Perché Siani era solo nella sua battaglia per la giustizia e la verità.

Alla presenza del regista e l’attore Libero De Rienzo

 

giovedì 15 | ore 21.00

La gente che sta bene di Francesco Patierno

Il lavoro e il successo non importa come. Nella Milano da bere, per chi vuole arrivare e resistere sulla cresta dell’onda e “stare bene??? non ci sono alternative. Disposto a tutto, cinico e senza scrupoli, Umberto Dordoni (Bisio) è uno spregiudicato e rampante avvocato d’affari, marito distratto e padre assente. Umberto è convinto di far parte della “gente che sta bene??? quanto a denaro e a sanità mentale. Dietro la sua parlantina assordante, dietro il suo sguardo sfuggente si intravede la paura di un uomo che annaspa per rimanere a galla e nascondere a se stesso l'evidenza che la sua vita non è quella che voleva..

Alla presenza del regista

 

lunedì 19 | ore 21.00

Qualche nuvola di Saverio di Biagio

Lui fa il muratore, ama il proprio mestiere, è apprezzato dal datore di lavoro, sta per sposarsi con la sua ragazza di sempre: sono cresciuti insieme, nello stesso condominio, sullo stesso pianerottolo. Per guadagnare qualche soldo in più e far fronte alle imminenti spese per il matrimonio, accetta un lavoro extra: la ristrutturazione di un appartamento nel centro storico. Una nuova porta si apre di colpo. Di Biagio attraverso una vicenda privata, racconta con mano leggera la vita di una borgata romana, restituendo gli affanni, le incertezze, le inquietudini dei protagonisti. La loro “scelta di vita??? è davvero quella giusta? 

Alla presenza del regista

 

lunedì 26 | ore 21.00

Benvenuto Presidente di Riccardo Milani

In un piccolo paesino di montagna vive un uomo dal nome impegnativo: Giuseppe Garibaldi, per tutti Peppino. Ama la pesca, la compagnia degli amici, la biblioteca in cui lavora da precario. E' un ottimista anche se il figlio che lo accusa d'essere un fallito. Un giorno, a causa di un pasticcio dei politici, accade una cosa incredibile: Peppino viene eletto per errore Presidente della Repubblica Italiana. Strappato alla sua vita tranquilla, si trova a ricoprire un ruolo per il quale sa di essere evidentemente inadeguato, ma il suo buonsenso e i suoi gesti istintivi risultano incredibilmente efficaci..

Alla presenza del regista

 

martedì 27 | ore 21.00

Come il vento di Marco Simon Puccioni

La storia di una donna guidata dal suo senso di giustizia, che visse e morì per il suo lavoro. La sceneggiatura è liberamente ispirata alla vita di Armida Miserere una delle prime donne a dirigere un carcere in Italia, una donna che ha iniziato a lavorare a metà degli anni ottanta, subito dopo l’entrata in vigore della legge Gozzini e ha saputo affermarsi in un ambiente ancora militarizzato e maschilista ottenendo stima e rispetto degli agenti come della popolazione carceraria. Una figura piena di apparenti contraddizioni: si era fatta la reputazione di “dura??? (era soprannominata “fimmina bestia??? dai detenuti dell’Ucciardone) perché doveva confrontarsi con personalità molto forti, ma la sua vita è stata il continuo tentativo di mantenere vivo il suo lato più umano e femminile.

Alla presenza del regista

 

giovedì 29 | ore 21.00

Spaghetti Story di Ciro De Caro

Valerio è un bravo attore, ma si arrangia con impieghi part-time nell'attesa di poter vivere del proprio lavoro. Il suo amico Scheggia vive ancora con la nonna, ma sa già come crearsi "una posizione". Serena è studentessa, ma vorrebbe costruire una famiglia con Valerio. Giovanna lavora come massoterapista, ma sogna di diventare chef di cucina cinese. Quattro giovani adulti dei nostri giorni, che sembrano avere le idee chiare su chi sono e cosa vogliono ma di fatto restano ingabbiati nei propri schemi mentali. Ognuno giudica l’altro, ed è cieco di fronte alle proprie esigenze e potenzialità. Quando la giovane prostituta cinese Mei Mei entra a far parte delle loro vite, tutto è costretto a cambiare rapidamente..

Alla presenza del regista

 

Prezzi: 

 

▲Cha Cha Cha e Fortapasc: ingresso unico per entrambi i film 3 €

▲La gente che sta bene: ingresso unico 3 €

▲Qualche nuvolaintero 5,00 €, ridotto 4,00 €  (Coop, Feltrinelli, Arci, Promozione La Festa Continua* )

* Conservando il biglietto acquistato presso il cinema nella settimana della Festa del Cinema, si ha diritto al ridotto

▲Benvenuto Presidente, Come il vento, Spaghetti Story: intero 5,00 €, ridotto 4,00 €  (Coop, Feltrinelli, Arci)