Home   Cultura    Il Cittadino e il Senso dello Stato    Senso dello Stato e Condizione Giovanile

Cultura

Il Cittadino e il Senso dello Stato

Senso dello Stato e Condizione Giovanile

Martedì 25 ottobre 2011, ore 18.00
Senso dello Stato e Condizione Giovanile
 
Fabrizio Saccomanni
Direttore Generale della Banca d'Italia
Modera l’incontro: Sen. Prof. Massimo LIVI BACCI.
Presidente dell’Associazione Neodemos
 
Interverranno:
  • Alessandro Rosina (Università Cattolica, Milano)
    Giovani in Italia: le ragioni di un ritardo
  • Cinzia Conti (Istat, Roma)
    Cittadini e cittadinanze: giovani italiani e stranieri a confronto
  • Stefano Molina (Fondazione Agnelli, Torino)
    Tre scommesse educative per l'Italia di domani
 In collaborazione con Associazione Neodemos
 
In una società caratterizzata da crescenti tensioni civili, sociali e politiche, è opportuno offrire occasioni di riflessione comune a tutti quei cittadini che sentono l’esigenza di contribuire personalmente ai profondi mutamenti culturali e sociali in corso, attraverso la responsabile assunzione delle inedite e forse epocali sfide che si prospettano nel delicato momento storico che stiamo vivendo. Ecco perché la Fondazione Niels Stensen promuove Il Cittadino e il Senso dello Stato, ossia una serie di incontri e conversazioni con politici, sociologi ed esponenti di diverse tradizioni socio-culturali. 
 
"L’idea di questi incontri nasce dalla sempre più diffusa esigenza di disporre di un luogo di riflessione e di incontro sulle crescenti tensioni civili, politiche e sociali cui assistiamo da qualche anno in quasi tutti gli ambiti relazionali e istituzionali. Tensioni che ci pongono preoccupanti interrogativi sul degrado del nostro discorso pubblico e sul senso dello Stato e delle Istituzioni, sempre più diffuso in ambienti giuridici e politici tutt'altro che marginali. Per memoria e esperienza, sappiamo che il senso dello Stato nasce dalla storia di un Paese e dal sentimento d’appartenenza dei suoi cittadini. Altrimenti tutti i conclamati valori permangono “astratti”, tutte le ricostruzioni costituzionali risultano fragili e tutte le espressioni simboliche si svuotano di contenuti, con il rischio di vanificare lo stesso patrimonio morale e culturale del nostro Paese."

P. Ennio Brovedani sj

 
Ingresso libero fino ad esaurimento posti