Home   Cinema    Rassegne    Cineforum    QUESTI ITALIANI

Cinema

Cineforum

QUESTI ITALIANI


Martedì 10 novembre  ore 21.00 Sogno il mondo il venerdì di Pasquale Marrazzo (Ita 2009, 90') alla presenza del regista
Mercoledì 11 novembre  Ore 17.30 Sogno il mondo il venerdì di Pasquale Marrazzo (Ita 2009, 90') ore 21.00 Il silenzio prima della musica di Eric Daniel Metzgar (Usa 2008, 79')
Venerdì 13 novembre  ore 18.00 Il silenzio prima della musica di Eric Daniel Metzgar (Usa 2008, 79') ore 21.00 Eva e Adamo di Vittorio Moroni (Ita 2009, 77') alla presenza del regista
Sabato 14 novembre ore 21.00 Eva e Adamo di Vittorio Moroni (Ita 2009, 77') ore 22.30 Il silenzio prima della musica di Eric Daniel Metzgar (Usa 2008, 79')
Domenica 15 novembre  ore 16.00 Il silenzio prima della musica di Eric Daniel Metzgar (Usa 2008, 79') ore 17.30 - 20.30 - 22.00 Eva e Adamo di Vittorio Moroni (Ita 2009, 77')
Martedì 17 novembre ore 17.30 - 20.30 - 22.00 Eva e Adamo di Vittorio Moroni (Ita 2009, 77')
Mercoledì 18 novembre  ore 17.30 Eva e Adamo di Vittorio Moroni (Ita 2009, 77') ore 21.00 Via Anelli - la chiusura del ghetto di Marco Segato (Ita 2008, 68') alla presenza del regista
Sabato 21 novembre  ore 21.00 Di me cosa ne sai di Valerio Jalongo (Ita 2009, 78') alla presenza del regista
Domenica 22 novembre  ore 16.00 - 17.30 - 20.30 - 22.00 Di me cosa ne sai di Valerio Jalongo (Ita 2009, 78')
Martedì 24 novembre  ore 17.30 Eva e Adamo di Vittorio Moroni (Ita 2009, 77') ore 21.00 Il confine di Stefano Mordini (Ita 2007, 70') alla presenza del regista
Mercoledì 25 novembre  ore 17.30 - 20.30 - 22.00 Di me cosa ne sai di Valerio Jalongo (Ita 2009, 78')
Venerdì 27 novembre  ore 17.30 - 20.30 - 22.00 Di me cosa ne sai di Valerio Jalongo (Ita 2009, 78')
Sabato 28 novembre ore 17.30 - 20.30 - 22.00 Di me cosa ne sai di Valerio Jalongo (Ita 2009, 78')
Domenica 29 novembre ore 17.30 - 20.30 - 22.00 Di me cosa ne sai di Valerio Jalongo (Ita 2009, 78')
Martedì 1 dicembre ore 17.30 Eva e Adamo di Vittorio Moroni (Ita 2009, 77') ore 21.00 Il nemico interno - musulmani a Bologna di Federico Ferrone, Claudio Giapponesi, Michele Manzolini (Ita 2009, 43') alla presenza dei registi
Giovedì 3 dicembre ore 17.30 Omaggio a Tullio Kezich - Tavola rotonda aperta al pubblico Intervengono:
  • Alessandra Levantesi (critico cinematografico e moglie di Tullio Kezich)
  • Lina Wertmüller (regista cinematografica)
  • Marco Sciaccaluga (regista teatrale e direttore del Teatro Stabile di Genova)
  • Claudio Carabba (critico cinematografico del Corriere della Sera Magazine)
  • Siro Ferrone (ordinario di Storia dello Spettacolo dell'Università di Firenze)
ore 21.00 Noi che abbiamo fatto la dolce vita di Gianfranco Mingozzi (Ita 2009, 80')
Venerdì 4 dicembre ore 17.30 Di me cosa ne sai di Valerio Jalongo (Ita 2009, 78') ore 21.00 Piede di Dio di Luigi Sardiello (Ita 2008, 95') alla presenza del regista
Sabato 5 dicembre
ore 17.30
Eva e Adamo di Vittorio Moroni (Ita 2009, 77')
ore 20.40
Di me cosa ne sai di Valerio Jalongo (Ita 2009, 78')
ore 22.30
Piede di Dio di Luigi Sardiello (Ita 2008, 95')

Domenica 6 dicembre ore 17.30 Piede di Dio di Luigi Sardiello (Ita 2008, 95') ore 20.40 Eva e Adamo di Vittorio Moroni (Ita 2009, 77') ore 22.30 Di me cosa ne sai di Valerio Jalongo (Ita 2009, 78')
INFO: L'ingresso alle proiezioni è a pagamento:
  • biglietto intero € 6,00
  • biglietto ridotto € 5,00 (studenti)
  • biglietto ridottissimo € 4,00 (proiezioni pomeridiane)
Venerdì 13 novembre è possibile vedere entrambi i film con un unico biglietto intero o ridotto. La tavola rotonda dedicata a Tullio Kezich il 3 dicembre pomeriggio è a ingresso gratuito. Tutti gli introiti derivanti dai biglietti permettono la sostenibilità del cinema indipendente italiano e la possibilità di continuare ad incontrare gli autori, di confrontarsi con loro. Pensaci quando ti sembra troppo caro. Durante la manifestazione saranno esposti i quadri di Peter Moon, realizzati per il film Eva e Adamo di Vittorio Moroni. Tutte le proiezioni presso il Cinema Auditorium Stensen, Viale Don Minzoni 25/c a Firenze Programma a cura di Michele Crocchiola  Giornata omaggio a Tullio Kezich a cura di Marco Luceri Grafica: Michele Ruini Ufficio stampa: Antonio Pirozzi, Jacopo Storni, Virginia Friggeri Coordinamento operativo: Nadia Alpi Organizzazione: Fondazione Niels Stensen - Viale Don Minzoni 25/g - 50129 - Firenze Tel. 055 576551 - cinema@stensen.org - www.stensen.org Con il patrocinio e il supporto di: www.cinemaitaliano.info  Programma realizzato in collaborazione con: 50 notturno - BunkerLab - Cinecittà Luce - La Fabbrichetta - Fondazione Fellini - JoleFilm - Kiné - LuccaFilmFestival - Minnie Ferrara - RaiSat - tutti i registi Sinossi Film:
Sogno il mondo il venerdì Una realtà multiculturale, marginale, periferica, sballottata dalla crisi economica, facente parte del vissuto  quotidiano di una metropoli come Milano viene raccontata con taglio iperrealistico, con improvvisi inserimenti lirici cantati dagli stessi personaggi. Un'opera originale con un'interessante - e coraggiosa - ricerca stilistica a sottolineare la vitalità espressiva del nostro cinema indipendente. 10-11 nov.
Via Anelli, la chiusura del ghetto La storia della difficile convivenza tra italiani e immigrati in una delle più ricche città del Nordest leghista, la Padova governata dal Pd, con al centro la via del titolo come nuovo simbolo che separa mondi inconciliabili, ferita aperta che getta ulteriori interrogativi sul futuro e offre possibili risposte - nonostante il muro che ancora, talvolta, sembra essere una soluzione. 18 nov. Il silenzio prima della musica Distribuito praticamente in abbinamento a "Eva e Adamo", è il pluripremiato film che documenta la storia di Jason Crigler, musicista newyorkese colpito improvvisamente da emorragia cerebrale, e della sua famiglia che farà di tutto per dimostrare che la forza di vivere e le passioni possono accendere forti speranze. Vincitore al Festival di Roma -sezione extra - nel 2008. 13-14-15 nov. Eva e Adamo Tre coppie, tre donne: Deborah, 19 anni, Veronica 36, Erika 76. Una testimonianza importante, originale, sincera, sgranata come sa essere la realtà, sull’amore declinato in tutte le sue forme. Emozione, lacrime, sorrisi, verità che conquistano lo spettatore davanti alle declinazioni improbabili ma reali del nostro tempo e della nostra convivenza. 13-14-15-17-18-24 nov. 1-6 dic. Il confine Un viaggio attraverso i luoghi d’incontro e di preghiera delle diverse comunità islamiche milanesi, i volti e le persone che le abitano. Un’istantanea di un ingresso, oltrepassando i diversi confini che generano paure, incomprensioni e distanze. Da Viale Jenner alle inchieste antiterrorismo della magistratura fino alla realtà giornaliera di persone che oggi sono accettate ma non riconosciute. 24 nov. Di me cosa ne sai La storia dell'evoluzione del cinema italiano come nessuno l’ha mai raccontata: un'inchiesta che è anche un viaggio dagli anni Settanta a oggi attraverso la vita culturale del Paese, tra Fellini e Berlusconi, con esercenti appassionati e registi che lottano per i propri film, testimonianze di proiezionisti girovaghi e di grandi registi europei. Il documentario perfetto per lo spettatore cinematografico, specie apparentemente in via d'estinzione. 21-22-25-27-28-29 nov. 4-6 dic. Il nemico interno - musulmani a Bologna Come nel resto del paese, a Bologna convivono intolleranza e tenaci tentativi di dialogo, quartieri ghetto, criminalità e quotidianità vista dalle seconde generazioni in cerca di un'integrazione che sentono prossima. Il progetto è stato commissionato dal canale satellitare Al-Jazeera a un collettivo di tre giovani registi per documentare lo stato dell'Islam in Italia. 1 dic. Piede di Dio Elia ha un talento. Non ha mai sbagliato un rigore in vita sua. Ho trovato un procuratore che lo porta a Roma. Un ritratto del nostro Paese attraverso la lente del Calcio, che un tempo era un gioco e che oggi è la metafora di un sistema di vita. È quello che l’abbaglio del cinematografo fu per Bellissima di Visconti, nel 1950, ma che resta una delle ultime, grandi emozioni collettive di questi anni. 4-6 dic. Noi che abbiamo fatto la Dolce Vita "Essere stati sul set de La dolce vita è come aver fatto il militare insieme", la celebre battuta di Mastroianni accompagna il diario sugli uomini e le donne che fecero La dolce vita, il “film che non sarebbe dovuto finire mai???, firmato da due reduci di quei giorni: il critico e amico di Fellini, Tullio Kezich, e il grande documentarista Gianfranco Mingozzi. Prodotto per il 50° anniversario del film dalla Fondazione Fellini e RaiSat. 3 dic. Twenty Puccini Un collage di immagini e suoni per una celebrazione senza precedenti. Nato nell’ambito del Lucca Film Festival, il progetto è un work in progress con venti registi autoriali, sperimentali, provenienti da mezzo mondo che dirigono altrettanti corti in omaggio a Giacomo Puccini, nel 150° anniversario della sua nascita. 5 dic.