Home   Cinema    Festival    Festa della Turchia    Sinossi film Festa della Turchia

Cinema

Festa della Turchia

Sinossi film Festa della Turchia

"Yol" 
(id., di Serif Goren e Yilmaz Guney - 1982)
Prima Palma d’Oro per la Turchia al Festival di Cannes, straordinario e impietoso affresco di una Turchia appena uscita dal colpo di stato del 1980, dove il potere militare è onnipresente. Cinque detenuti ottengono una licenza per visitare le famiglie; ognuno di loro diventa protagonista di un paradigmatico episodio. Le diverse sorti si diramano tra nuove possibilità e vecchie sconfitte, nell’opera forse più potente di Yilmaz Guney, il regista più famoso della storia del cinema turco a livello internazionale.
In programma: Giovedì 19 aprile, ore 21.00

"Ice cream, I Scream"
("Dondurmam Gaymak", di Yüksel Aksu - 2006)
Concorrente turco all’Oscar 2007, vincitore del Queens Festival come miglior commedia e miglior regia, ritratto rocambolesco delle (dis)avventure di un gelataio ambulante contro lo strapotere delle multinazionali e la velocità spietata del cambiamento globale. Recitato da attori non professionisti, tra naiveté e ilarità, il film è anche un affettuoso tributo alla tradizione delle piccole località della regione egea, antica terra madre di commedie, tragedie e leggende.
In programma: Venerdì 20 aprile, ore 21.00

"Viaggio verso il sole" 
("Günese Yolculuk", di Yesim Ustaoglu - 1999)
Pluripremiato ai festival, da quello di Istanbul alla Berlinale, il viaggio di cui si parla è prima di tutto quello di un’amicizia tra due ragazzi, un curdo e un turco, che si scontra con una realtà lacerata e pervasa dalla negazione di qualsiasi possibile incontro. Lucido ed emozionante, l’atto d’accusa di Ustaoglu va oltre la politica, pretendendo coraggiosamente la possibilità di un ritorno ad un’umanità che sembra impossibile riconquistare.  
In programma: Sabato 21 aprile, ore 17.00

"Crossing the Bridge" 
(id., di Fatih Akin - 2005)
Dal regista de "La sposa turca", uno scatenato documentario sulla scena musicale di Istanbul, un’esplorazione del cuore della città. Protagonista la musica del gruppo Babazula e la straordinaria varietà di melodie, commistioni e influenze che fanno della musica un ponte tra le culture e un modo imprescindibile di conoscere la realtà. Perché, per citare Confucio, “quando arrivi in un luogo e vuoi comprenderlo, ascolta la musica che vi si suona???.
In programma: Sabato 21 aprile, ore 21.00

"Un cuore di vetro" 
("Camdan Kalp", di Yasar Fehmi - 1990)
Uno sceneggiatore con la testa tra le nuvole si scontra con la realtà arcaica e feudale di remote regioni dell’Anatolia, per venire in soccorso della domestica che vuole impedire al marito di prendere una seconda moglie. Tragicomico e provocatorio, spiazzando continuamente le aspettative dello spettatore, il film scava nello scarto tra realtà e sistemi di valori diversi tra loro, che convivono spesso senza una coscienza reciproca. Accolto dal pubblico turco come miglior film dell’anno.
In programma: Domenica 22 aprile, ore 18.30

"Padre e figlio"
("Babam ve oglum", di Cagan Irmak - 2005)
Grandissimo successo di pubblico, la storia di questo scontro intergenerazionale e valoriale ha commosso tre milioni e mezzo di spettatori. In bilico sapiente tra leggerezza e tragedia la storia è quella di una seconda occasione per un padre che ha disconosciuto il figlio, imprigionato e torturato durante gli anni ‘80 pur di essere coerente ai propri principi di lotta per la democrazia. La famiglia cerca un nuovo significato, e restituisce a sua volta senso agli errori e alle colpe del passato, anche grazie alla forza della fantasia e all’innocenza di una terza generazione.
In programma: Domenica 22 aprile, ore 21.00