Home   Cinema    Film Database    Wallace e Gromit ed altre storie

Cinema

Film Database

Wallace e Gromit ed altre storie

Titolo: Wallace e Gromit ed altre storie
Titolo originale:
Anno: 1994
Regia di: Nick Park/td>
Nazionalità: Gran Bretagna
Durata: 75'

Sceneggiatura:
Fotografia:
Effetti: F
Musiche:
Contatti:
Cast:

Indirizzo sito ufficiale :

Note/Curiosità:
Disponibile anche in
Amatissimi in Inghilterra, dove sono stati protagonisti di una serie animata per la televisione inglese BBC, Wallace e Gromit, ovvero un curioso inventore appassionato di formaggio e di quotidiani ed il suo intelligentissimo cane, giungono in Italia negli anni Novanta in un film che ne raccoglie i primi due episodi.

"I pantaloni sbagliati", realizzato nel 1993, vede il cane Gromit alle prese con un doppio problema: un paio di pantaloni meccanici ed uno strano inquilino, che lo privano del piacere della compagnia del suo padrone ed amico Wallace.

"Una fantastica gita", prima apparizione dei due personaggi, sviluppato tra il 1986 ed il 1989, ci porta su una Luna di formaggio a fare scorta di viveri ed incontri surreali...

Completano la pellicola altri cortometraggi realizzati dallo stesso studio di animazione, tra i quali segnaliamo "Creature Comforts", prima opera dello studio Aardman a concorrere per l'Oscar e vincerlo, nonch? prima dimostrazione delle capacità artistiche e tecniche del gruppo.

Realizzati a "passo uno", tecnica di grande difficoltà che richiede la realizzazione di mini-set e di innumerevoli kit per ogni personaggio, da muovere e fotografare per creare l'illusione del film, Wallace & Gromit si sono immediatamente imposti all'attenzione mondiale, guadagnando una nomination agli Oscar e ben due statuette, oltre a numerosi premi meno famosi ma non meno importanti, ad Hiroshima, Chicago, Sundance...

Autore e creatore dei due personaggi è Nick Park, entrato nel famoso studio Aardman nel 1982, proprio per portare sullo schermo il suo saggio di fine corso alla "National Film and Television School", saggio da cui nacque "Una fantastica gita".

Il lavoro richiese ben sei anni, durante i quali fu necessario realizzare corpi, teste, arti, per ciascuna espressione e per ciascuna posizione dei personaggi. Non meno difficile fu costruire set completi di ogni dettaglio, illuminazione inclusa, su misura per Wallace, alto solo 9 pollici (23cm circa), e Gromit, alto quasi la metà. Lunghe e pazienti sono state anche le riprese, durante le quali è necessario scattare un fotogramma per ogni frazione di movimento necessaria.

L'originalità delle trovate, la plasticità e l'espressività dei personaggi, lo humor e la scrittura impeccabile, fanno del film un'opera affascinante per i bambini, ma anche molto interessante per gli adulti, che troveranno nella trama spunti di riflessione sulla società ed il suo rapporto con la tecnologia, con l'estraneo e con la curiosità.

A partire dall'aspetto dei personaggi, fino alle ambientazioni ed all'atmosfera stessa dei racconti, ci troviamo sospesi tra una tranquilla vita di campagna ed un futuro tecnologico molto retrò, memore dei giochi e dei trucchi di Murnau più che della moderna fantascienza. Le trovate vanno a sottolineare difetti e superficialità della vita quotidiana in maniera a volte tagliente, rivelando l'intento non solo di divertire il bambino, ma soprattutto di colpire un adulto stanco ed indifferente, assuefatto alla mediocrità televisiva - ricordiamo che il film è composto di puntate realizzate per la televisione e poi trasposte su pellicola.