Home   Cinema    Rassegne    Nazirock & Camicie Verdi – destra radicale e lega nord su grande schermo

Cinema

Rassegne

Nazirock & Camicie Verdi – destra radicale e lega nord su grande schermo

Programma:

  • Domenica 20 Aprile, ore 20:30: "Nazirock" di Claudio Lazzaro – presente in sala

L'estrema destra vista dall'interno: la sua musica, i capi, le alleanze, i rituali. Filo conduttore di questa storia (o della Storia) sono le band musicali, che infarciscono di testi fascisti la loro musica skin, oi, white power e punkadestra.
Il film ha inizio con le immagini dei "due milioni" convocati a Roma dall'opposizione al governo Prodi, il 2 dicembre 2006. Evento specchio della “Nashville dell'estrema destra”: una grande manifestazione organizzata da Forza Nuova, il movimento guidato da Roberto Fiore (condannato a nove anni per banda armata), che si è svolta a Viterbo, con la partecipazione dei principali gruppi rock assieme a militanti e a leaders provenienti da Spagna, Germania, Francia, Grecia, Libano e Romania.

  • ore 22:00: incontro con il regista Claudio Lazzaro

  • ore 22:40: "Camicie Verdi" di Claudio Lazzaro – presente in sala

Non è stato facile per le televisioni italiane pubbliche e private, parlare della Lega Nord durante il quinquennio berlusconiano, anche se, alla luce dei fatti di attualità politica, sarà, forse, più semplice farlo da ora in poi... Claudio Lazzaro, giornalista della carta stampata, con questo documentario entra nelle fila del gruppo di Bossi e delle sue Camicie Verdi: ascolta, registra, testimonia le parole e gli obiettivi dei leader della Lega, senza proferir parola. Ma chi sono, appunto, le Camicie Verdi? Si definiscono come una milizia composta da partigiani volontari. Ma i partigiani, ci insegna la storia fatta a scuola, erano un'altra cosa. Un’attenta “analisi logica” dei fatti storici e attuali, specchio di una parte di società che si fa espressione di un disagio, di un'insicurezza politica e sociale che, spesso, sfocia nell'intolleranza, e che, soprattutto in questo momento storico politico, non deve essere sottovaluatata. Nessun commento o riflessione è stata aggiunta da Lazzari alle interviste, per lasciare ad ogni spettatore la possibilità di trarre in autonomia la conclusione più appropriata.