Home   Cinema    Film Database    Principessa Mononoke

Cinema

Film Database

Principessa Mononoke


Titolo: Principessa Mononoke
Nazionalità: Giappone
Durata: 137'
Sceneggiatura: Hayao Miyazaki, Neil Gaiman
Fotografia: Atsushi Okui
Effetti:Tomoji Hashizume Masahiro Murakami Toyohiko Sakakibara Kaoru Tanifuji
Kumiko Taniguchi
Musiche: Joe Hisaishi
Cast:

Princess Mononoke, ovvero l'ultima battaglia della Natura contro l'avanzare dell'Uomo, tarlo che corrode e distrugge equilibri secolari.
Primo film di Miyazaki ad essere distribuito sul grande schermo in Italia, Princess Mononoke è una lucida ed amara riflessione sull'incapacità umana di saper convivere in armonia con l'ambiente che la circonda. Un film profondamente intessuto dei principi animistici dello Shintoismo, ove spiriti e dei assumono aspetti di animali e dominano su boschi e vallate, ma facilmente comprensibile ed apprezzabile anche dal pubblico occidentale.
Il giovane emishi Ashitaka viene colpito da una maledizione letale per aver ucciso il dio-cinghiale Nago, trasformatosi in un demone assetato di vendetta. Per comprendere cosa abbia cagionato il mutamento di uno spirito benigno in un mostro Ashitaka, su suggerimento della sciamana del proprio villaggio, parte per le lontane regioni occidentali, zona di origine del dio-cinghiale. Il giovane lascia un mondo primitivo ma ancora pacifico e rispettoso dell'ambiente per immergersi nella realtà giapponese del Periodo Muromachi, epoca di guerre civile e massacri, dove la Natura viene già vista come un ostacolo alla modernità.
Ashitaka, animo coraggioso e puro, "dagli occhi non velati dall'odio" diviene testimone della lotta degli abitanti di Tataraba, una cittadella mineraria, capeggiati dalla determinata Eboshi, contro le divinità silvestri che si oppongono alla deforestazione e contro mercenari e soldataglia di ogni genere. L'avidità spinge gli uomini a sterminarsi l'uno con l'altro ed a distruggere sistematicamente l'ambiente: i samurai vogliono la cittadella per impadronirsi dell'acciaio, Eboshi mira a distruggere le divinità della foresta per impadronirsi dei giacimenti, i monaci guerrieri cacciano il sommo spirito della foresta, il Dio-cervo Shishigami, per rivenderne la testa all'Imperatore. A difensori della Natura si ergono i brutali cinghiali e, soprattutto, gli spiriti della vendetta (mononoke): una lupa gigantesca e dalla duplice coda ed suoi tre cuccioli, due lupacchiotti e la umana Sen, abbandonata da piccola nella foresta. Lo scontro tra Natura e civiltà porterà ad un epilogo in cui tutti risultano sconfitti e che dovrebbe far riflettere l'uomo moderno sulla follia della propria corsa alla ricchezza.
Miyazaki sfugge abilmente alle insidie di una manichea divisione tra Bene e Male, creando personaggi umani a tutto tondo, portatori come tali di vizi e virtù. Il personaggio più credibile della storia risulta proprio la "cattiva" lady Eboshi, tanto indifferente alla vita degli animali e degli spiriti quanto sensibile alle umane sofferenze, protettrice dei lebbrosi e liberatrice delle prostitute. Meno riuscito appare il personaggi di Sen, la principessa dei mononoke, umana allevata dai lupi e che, sentendosi parte del branco, rigetta in toto la civiltà umana e lo stesso richiamo del sangue. La stessa Sen, tuttavia, non rimane del tutto immune al fascino del bel Ashitaka né rifiuta completamente l'amicizia, lasciando allo spettatore la libertà di immaginarsi una possibile riconciliazione tra la ragazza ed i suoi simili.
A cura di:
Ilaria Nannini
Note:
- Il film è presente nel DVD in italiano, inglese e giapponese e non in spagnolo, come erroneamente indicato nella copertina.
- In alcune scene i dialoghi risultano diversi a seconda della versione inglese o italiana. Nella traduzione inglese (e nei sottotitoli in italiano) le donne della Città del Ferro sono prostitute che Lady Eboshi ha liberato dalla schiavitù dei bordelli. Nella traccia audio italiana le donne sono indicate come ex-serve e tutti i dialoghi in cui compare il termine prostituta sono stati modificati. Altre discrepanze si notano nei dialoghi tra Ashitaka e la sig.ra Uji, dopo la prima battaglia tra Eboshi ed i lupi e nel finale.
- Nelle sale americane è stato distribuito con il divieto di visione da minori di anni 13 non acompagnati