Home   Cinema    Rassegne    Notte Horror    Notte Horror 2002

Cinema

Notte Horror

Notte Horror 2002

L'Istituto Stensen è lieto di presentare la prima serata dedicata interamente al cinema dell'orrore: tre capolavori del genere che hanno segnato la cinematografia mondiale.

Il 30 Aprile per la prima volta a Firenze un'intera notte dedicata al cinema dell'orrore. Dalle ore 22 fino a notte inoltrata verranno proiettati su grande schermo tre classici del cinema dell'orrore. L'evento sarà arricchito dalla visioni di cortometraggi horror, realizzati da giovani esordienti e da una esposizione di effetti speciali di film del brivido realizzati dalla I.M.A SFX (www.imsfx.it ) e di altre opere grafiche di giovani artisti. Durante la serata verrà offerta dallo Stensen una Colazione mannara a base di caffè e paste calde gratuiti. Si parte con uno dei capolavori del maestro italiano del brivido.Una ragazza americana giunge a Friburgo per frequentare una scuola di danza. La stessa notte del suo arrivo una delle allieve, incontrata dalla protagonista sulla porta dell'istituto, viene barbaramente uccisa. Terrificanti scoperte attendono la giovane durante la sua permanenza all'interno del collegio, fino ad una sconvolgente rivelazione finale. Dario Argento, dopo una serie di gialli orrorifici, con Suspiria si addentra nell'horror puro. L'uso della colonna sonora, composta (come per Profondo Rosso) dai grandi Goblin è ancora una volta un aspetto fondamentale, con musiche ossessive, onnipresenti e terrorizzanti. A ciò va aggiunto una delle migliori sequenze di omicidio mai realizzate (la prima del film), l'esperta mano di Argento dietro la macchina da presa, che ci regala alcune vere invenzioni registiche (come le riprese della piazza nella scena dell'assassinio del cieco) e una ispiratissima protagonista (Jessica Harper). Un film praticamente perfetto! Si continua con una delle migliori comedy-horror mai realizzate, diretta del regista de Il Signore degli Anelli Peter Jakson. Uno strano animale a metà tra un topo e una scimmia viene portato nello zoo di una tranquilla cittadina. Un giorno l'essere ferisce una donna e la infetta con il suo sangue trasformandola in una sorta di zombi; il figlio della malcapitata signora cerca di curarla ma invano, la donna comincia a seminare morte e ad infettare con il suo morbo chiunque le capiti a tiro. Splatters - Gli Schizzacervelli si è meritato il titolo di film più splatter della storia del cinema e mai nomina fu più appropiata di questa: nell'ultima mezzora del film assistiamo ad un vero festival del sangue con smembramenti squartamenti, decapitazioni, spolpamenti e qualsiasi altra sconcezza ed efferatezza vi possa venire in mente: il tutto, come la parte restante della pellicola, pervaso da una forte vena comica ed autoironica. Si conclude in bellezza con uno dei migliori horror del padre del cinema gotico italiano: I Tre Volti della Paura di Mario Bava. Tre episodi all'insegna del brivido: nel primo, Il Telefono, una donna tormentata dalle telefonate di uno sconosciuto nel cuore della notte; nel secondo, I Wurdalak, un uomo va a caccia di un vampiro e torna a casa dopo molto tempo tra gli sguardi terrorizzati dei parenti; nell'ultimo, La Goccia d'Acqua, certamente il più terrorizzante, un'infermiera ruba l'anello di una potente medium defunta e viene perseguitata dal fantasma della stessa. Si tratta di un altro film storico dell'amato Maestro, uscito a tre anni di distanza da La Maschera del Demonio, e che segnò la definitiva consacrazione di Bava come regista di culto in tutta Europa. Il secondo episodio ha come protagonista il grande Boris Karloff ed è l'unico che riprende la dimensione gotica ed orrorifica del suo film d'esordio. Nel primo, che è una sorta di giallo, Bava riesce a creare, grazie ad un'ambientazione claustrofobia all'interno di un piccolo appartamento, un clima di grande suspense e terrore. Nel terzo, infine, il regista torna ad affrontare il soprannaturale ma abbandona l'orrore gotico per un terrore più psicologico, solo suggerito da impercettibili rumori (la goccia d'acqua) e da ombre che subito svaniscono, ma per questo ancora più angosciante. Sono stati scelti tre cult del genere che, se pur diversamente, hanno segnato la cinematografia horror mondiale e che ogni appassionato dovrebbe vedere (e rivedere)!

A cura di: horrocult.com - Partner dell'iniziativa

Programma:

  • ORE 22.00: "Suspiria" di Dario Argento - ITA 1977, 100 min.
  • ORE 24.00: "Splatters - Gli schizzacervelli" (Braindead) di Peter Jackson - NZ 1993, 104 min.
  • ORE 02.15: "I tre volti della paura (Black Sabbath)" di Mario Bava - ITA 1963, 90 min.