Home   Cultura    Altre Iniziative    IMMIGRAZIONE E SALUTE – I fatti, le domande, le idee

Cultura

Altre Iniziative

IMMIGRAZIONE E SALUTE – I fatti, le domande, le idee

Sabato 12 maggio 2018, ore 10:30 - 13:00

 

 

 

IMMIGRAZIONE E SALUTE - I fatti, le domande, le idee

Ma è vero che i migranti ci portano le malattie?

 

 

 

Moderatori: Monica TORALDO DI FRANCIA (Membro del Comitato Nazionale per la Bioetica e Presidente della Sezione Toscana dell’Istituto Italiano di Bioetica) e Jacopo STORNI (Giornalista)

 

Saluti istituzionali: Maria José CALDES (Direttrice del Centro di Salute Globale della Regione Toscana)

 

1) Fenomenologia dell’immigrazione

Gavino MACIOCCO (Dipartimento di Sanità Pubblica, Università di Firenze)

 

2) Immigrazione e salute: profili bioetici

Antonio DA RE (Professore ordinario di Filosofia morale, Università di Padova, e membro del Comitato Nazionale per la Bioetica)

 

3) Promozione della salute e medicina della prossimità

Giovanni BAGLIO (Istituto Nazionale Salute, Migrazione e Povertà; Società Italiana di Medicina delle Migrazioni)

 

 

 

Ma è vero che i migranti ci portano le malattie? Cosa succede loro dopo che sono arrivati e accolti in Italia? Ecco due ricorrenti domande, a cui vengono spesso date delle risposte sbrigative e emotive, fondate su paure, luoghi comuni e pregiudizi, in mancanza di una reale e corretta conoscenza dello stato dell’immigrazione in corso.

 

Per dare risposte convincenti a queste e ad altre domande, che riguardano la salute dei migranti, è necessario partire prima di tutto da una corretta informazione sui dati reali del fenomeno migratorio, per poi ribadire il valore etico della tutela della salute sociale e individuale, indipendentemente dal fatto che essi siano o meno cittadini italiani, come ci ricorda l’articolo 32 della nostra Costituzione, di cui ricorre quest’anno il 70mo anniversario. Una volta superata la fase emergenziale dell’accoglienza inizia il delicato processo d’integrazione, dove si riscontra un’estrema fragilità, in particolare riguardo alla loro salute mentale e psicologica. Si pone allora il problema e l’interrogativo di quanto le risposte concernenti la formazione degli operatori e l’organizzazione assistenziale siano adeguate, o piuttosto ancora carenti quanto alla proposta e organizzazione di un sistematico piano di intervento mirato.

 

Scarica QUI il programma in pdf.