Home   Cinema    Eventi    IL GESTO DELLE MANI

Cinema

Eventi

IL GESTO DELLE MANI

Il gesto delle mani di Francesco Clerici (Italia 2015, 77')

 

 

Premio FIPRESCI a Berlino 2015 

 
 
Il documentario segue il processo di creazione di una delle sculture dell’artista Velasco Vitali, dalla cera al bronzo, presso la Fonderia Artistica Battaglia di Milano. Si tratta di un’osservazione di una squadra di esperti artigiani all’opera in una Fonderia centenaria. Il loro lavoro disvela un’immutata cultura tecnica: quella della fusione a cera persa, la cui tradizione risale al VI secolo a.C.
 
Nonostante le numerose innovazioni tecnologiche introdotte nel campo dell’arte nei secoli, ancora oggi per creare una scultura in bronzo si devono seguire gli stessi passaggi usati nel VI secolo a.C. per realizzare i bronzi di Riace. Questi passaggi non sono insegnati nelle scuole, ma ci sono stati tramandati dall’antica tradizione orale attraverso l’apprendistato e l’esperienza di generazioni di artigiani. Questo documentario è una finestra contemplativa sul lavoro nella Fonderia Artistica Battaglia: un luogo in cui passato e presente condividono gli stessi gesti e in cui ognuno di questi gesti è se stesso una scultura.
 
Questo processo centenario è raccontato attraverso la nascita di una scultura di cane realizzata dall’artista italiano Velasco Vitali: la storia di una trasformazione di una scultura da cera a bronzo va a svelare, anche attraverso l’uso filmati di repertorio, lo storico processo di una fusione in bronzo, di ieri come di oggi. Lo storico scultore italiano Giacomo Manzù diceva che la scultura è «un gesto delle mani, un gesto d’amore». Secondo Lerry Shiner, Professore di Filosofia, Storia e Arti Visive presso l’Università dell’Illinois «L’Arte, come normalmente la intendiamo, è un’invenzione Europea di soli due secoli fa. Tuttavia, coinvolgendo tante mani e tante teste, l’Arte è sempre stata una questione di collaborazione». Questi sono i due concetti alla base del film, che segue la produzione della scultura di Velasco Vitali presso la Fonderia Artistica Battaglia di Milano.
 
Gli antichi Greci non distinguevano tra arte e artigianato, il termine Techné li racchiudeva entrambi. Questo è il punto di partenza da cui si è sviluppato il progetto. La macchina da presa osserva e svela il processo: l’artista che scolpisce e lavora la cera, è considerato alla stregua dell’artigiano che trasforma questa cera in bronzo, costruendo e distruggendo a sua volta altre sculture effimere: questi gesti sono immutati da secoli e in questi gesti il tempo sembra saltare tra passato e presente, in una dimensione sospesa. Questo è reso possibile grazie anche al ritrovamento di una pellicola di 16 mm che era stato girato nella Fonderia Battaglia nel 1967.
 

 

Anteprima

giovedì 14 maggio 2015 ore 21.00 

alla presenza del regista

con il patrocinio di Confartigianato Firenze

 

In occasione dell'uscita nelle sale

giovedì 14 gennaio 2016